Under 14 – Tutto secondo pronostico

L’under 14 torna da Bologna rispettando il pronostico e traendo confortanti conferme dal proprio organico. Nonostante l’epidemia di influenza che ha colpito i ragazzi, la squadra presentata sul manto erboso dell’Arcoveggio, a elevatissima densità di 2002, ha condotto la partita con sicurezza e autorità.

Il lavoro degli allenatori MarchiSignorini, con Ambra Gatti alla preparazione atletica, comincia a prendere forma, in quanto la squadra mostra un’identità di gioco ben riconoscibile anche cambiando gli attori.

In una giornata grigia e su un campo allentato,  inizia la sfida, con la Rugby Parma in gialloblu capitanata da Rocco Balestrieri. E inizia subito facendo la voce grossa e chiudendo Bologna nei propri ventidue; già al secondo minuto Giovanni Bianconcini, ripartendo da una mischia ai cinque metri, sblocca il risultato (5-0). Pur attestandosi su ritmi lenti, il tema della partita non cambia e al dodicesimo ancora Giovanni Bianconcini, dopo un’abrasiva azione degli avanti gialloblu, finalizza varcando l’area di meta (10-0). Luca Mattioli arrotonda con la trasformazione (12-0). Al ventiduesimo minuto Luca Mattioli parte da una mischia e crea il punto di incontro; dal raggruppamento spontaneo Giovanni Bianconcini coglie la difesa nel sonno e si incunea creando una profonda ferita nella difesa felsinea, quindi fissa il proprio uomo, passa a Rocco Balestrieri che a sua volta fissa l’uomo e lancia Matteo Sorio in meta (17-0). Il primo tempo termina sul 17-0 e con l’impressione di una Bologna molto falloso (oltre la decina i fuorigioco fischiati) e una partita in pieno controllo.

L’eccessiva sicurezza addormenta i gialloblu che, complice un riciclo forzato, subiscono una meta in mezzo ai pali (17-7) su un intercetto al settimo minuto della ripresa; il pubblico di casa comincia a credere nel miracolo e i bolognesi appaiono carichi nel cercare il colpaccio. A raffreddare gli animi e riportare la partita nei giusti binari ci pensa capitan Balestrieri, costante minaccia per la difesa avversaria, che finge l’apertura e, sul movimento laterale della difesa avversaria, si insinua nella voragine creatasi portando il risultato sul 22-7. Fino alla fine si gioca a una metà campo, con gli ospiti che segnano tre mete negli ultimi cinque minuti, con Matteo Sorio al ventesimo (27-7) al termine di uno slalom pregevole su palla recuperata da calcio di liberazione, Giovanni Bianconcini al ventitreesimo (32-7), abile a sfruttare lo spazio creatosi in terza fase tra i centri avversari, e Simone Sacchetto al venticinquesimo (37-7).

Con il risultato di 37-7 si chiude la sfida, in cui sono da evidenziare le prestazioi di Lorenzo Cristofori per quel che riguarda gli uomini di mischia, e Giovanni Bianconcini, autore di un hat-trick.

Buona è stata la personalità e l’applicazione del lavoro svolto in allenamento che sta evidenziando la propensione al gioco multifase. Da curare le trasformazioni delle mete (una su sette), che in altre partite potrebbero rivelarsi decisive.

Si attende ora la prossima partita a Piacenza per confermare quanto di buono è emerso a Bologna.

Commenti da Facebook