UNDER 14: Quarto posto al Superchallenge di Colorno

In una giornata che di primaverile aveva davvero poco, la Rugby Parma si è classificata al 4° posto nel V Superchallenge del 14 aprile a Colorno. Emanuele Laghi ci racconta com’è andata:

“Se dovessero chiederci in che mese ci troviamo, in molti risponderemmo gennaio, anziché aprile. Un’aria gelida ed un cielo plumbeo accolgono l’under 14 in quel di Colorno dove si svolge una tappa del Superchallenge.

La squadra allenata da Quagliotti, Trasatti e Zanichelli arriva di primo mattino. La sorte è benevola, nel nostro girone ci sono Cus Torino e Rugby Colorno, due compagini con ranking inferiore a quello dei gialloblù, ma non si deve abbassare la guardia, i match si vincono sul campo e non sulla carta.

Il primo incontro è con il Cus Torino, sotto un cielo minaccioso l’aria è a dir poco pungente. I muscoli di Ugolotti sono però già ben caldi e dopo meno di un minuto porta in vantaggio la propria squadra con una meta laterale che ostacola la trasformazione a Bordini. Tocca poi allo stesso Bordini segnare di rapina la seconda meta che Mussi trasforma senza problemi. La differenza tra le due formazioni appare evidente e i torinesi non riescono a varcare la metà campo mentre la Rugby Parma continua a segnare, prima con Bordini che si incarica anche di un’eccellente trasformazione, poi con Ugolotti e Simoni. Basta un po’ di rilassamento però e il Cus Torino segna la meta della bandiera, ma è la bella meta di Barbarini a sentenziare la fine del match con un netto 38-7 per la Rugby Parma.

Letteralmente intirizziti, ci si rifugia in club house a sorseggiare un tè caldo. Come se non bastasse inizia a piovere e proprio sotto una pioggia battente ci giochiamo il posto in semifinale. Con Colorno si gioca prevalentemente a metà campo. I padroni di casa ce la mettono tutta per non subire meta, ma nulla possono contro un’incursione di Simoni che sblocca il risultato. Colorno non molla ma viene punito da Bordini per il definitivo 12-0. Bagnati come poche altre volte, si urla di gioia, è la prima volta quest’anno che l’under 14 approda alla semifinale di un Superchallenge.

La pioggia ed il freddo non demordono. Si inizia a fare sul serio, a sbarrarci l’accesso alla finale c’è il Verona. Sulla carta i valori si invertono: i veronesi hanno un ranking nazionale migliore del nostro, occorre affrontarli senza alcun timore reverenziale. Pronti, attenti, via e schierati malamente in difesa subiamo subito meta. Con non poca fatica ci si impossessa finalmente del pallone e si inizia a pressare la formazione veneta, ma un nostro calcio di ripartenza viene curiosamente punito con un giallo ad Ugolotti ed un calcio agli avversari. Verona ne approfitta e va in vantaggio per 10-0. I valori in campo non sono così differenti, i gialloblù relegano in difesa gli avversari e dopo un assedio prolungato vengono finalmente premiati con una meta che rimette di nuovo in carreggiata l’incontro accorciando le distanze. Il tabellino recita 10-7 per i veronesi, ma la Rugby Parma ci crede. Commettiamo purtroppo qualche errore di troppo ed un nuovo calcio di ripartenza viene di nuovo incomprensibilmente punito dall’arbitro con un altro calcio a favore del Verona che spegne definitivamente le velleità gialloblù, fissando il risultato finale sul 13-7 a favore dei nostri avversari. I nostri ragazzi si sentono un po’ defraudati, ma occorre fare una sana autocritica, a formazioni di questo calibro non si può regalare nulla, bisogna giocare una partita perfetta, altrimenti saremo di nuovo sconfitti, lo sa bene il coach Quaglio che striglia i ragazzi a dovere.

Ci si gioca così la finale per il terzo e quarto posto. Di nuovo in campo ancora sotto la pioggia battente, guardiamo i nostri ragazzi scaldarsi ancora una volta per affrontare l’ultimo match, non un lamento, non un momento di pausa. Comunque vada, riparati dagli ombrelli osserviamo i nostri coraggiosi piccoli eroi, sicuri che esperienze di questa natura forgeranno uomini pronti per affrontare le sfide della vita futura. Un brutto scontro di gioco nel precedente match vede un giocatore del Colorno esanime in campo assistito dai sanitari, siamo tutti attoniti. Per fortuna sapremo in seguito che il ragazzo ha subito una lieve commozione cerebrale, ma il suo stato di salute non desta particolare preoccupazione.

Dopo un’attesa infinita, si gioca con il Livorno. Appare subito evidente che la Rugby Parma ha esaurito le energie. Giocando la peggior partita della giornata, veniamo sconfitti 5-10 da un avversario che evidentemente ha saputo meglio conservare le energie in una giornata campale.

Un quarto posto in un Superchallenge è pur sempre un ottimo risultato che ci permetterà di fare un  piccolo passo avanti nel ranking nazionale delle under 14. Non è finita qua, la stagione è ancora lunga, nuove sfide ci aspettano”.

RUGBY PARMA: Barbarini, Bassi, Bordini, Calvi, Cocchi, Consiglio, Dodi, Drago, Faedda, Faissal, Fuda, Ghiretti, Laghi, Magnani, Melegari, Monica, Mussi, Priolo, Simoni, Ugolotti, Vietta, Zanni.

RISULTATI

Girone qualificazioni:
Rugby Parma vs Cus Torino 38-7
Rugby Parma vs Colorno 12-0

Semifinale:
Rugby Parma vs Verona 7-13

Finale 3°/4° posto:
Rugby Parma vs Livorno 5-10

Commenti da Facebook