Storia

VERSIONE 1 – BREVE

La nascita della Rugby Parma e del rugby a Parma

 

E’ il 1931 quando Gianni Penzi (portiere titolare del Parma Calcio e cultore del salto in alto) Mario Pirazzoli (cestista) e Pietro Zini (pesista), dopo aver assistito ad una esibizione di rugby alla chiusura del meeting di atletica leggera di Torino, decidono di creare a Parma una squadra di pallovale formata in prevalenza da giovani liceali e studenti universitari.

La squadra prenderà il nome di Rugby Parma nel 1946.

Sono i tempi in cui allo stadio Tardini il pienone lo fa il rugby. La squadra di calcio deve giocare alla domenica mattina perché al pomeriggio il campo è occupato dalla pallovale, disciplina che per prima porta a Parma allori e trofei.

Innumerevoli i prestigiosi titoli che la Rugby Parma ha saputo aggiudicarsi nell’arco degli anni, sia a livello seniores che juniores. I più importanti: 3 Campionati Italiani Seniores, 3 Juniores, 3 Coppe Italia, 1 Supercoppa Italiana.

La scelta vincente di puntare sui giovani del vivaio e sulla professionalità dello staff

 

Dalla stagione sportiva 2010/11 inizia una storia tutta nuova: la Rugby Parma abbandona il professionismo e riparte dal settore giovanile e dalla serie C, puntando tutto sui giovani del vivaio e investendo nella loro formazione.

Nasce così la Scuola di Rugby d’Eccellenza con la preziosa collaborazione del tecnico francese Jean Bidal.

I risultati sportivi arrivano subito: la squadra seniores in 3 stagioni soltanto viene promossa in serie B e le giovanili vincono titoli importanti – 1 Campionato Italiano (Coppa Lodigiani) categoria Under 16, 2 Trofei degli Appennini (Under 16) – e tornei prestigiosi: 25ª edizione del Trofeo Topolino (Under 6), 39° Torneo Città di Treviso e 4° Superchallenge (Under 14).

VERSIONE 2 – LUNGA

La nascita della Rugby Parma e del rugby a Parma

E’ il 1931 quando Gianni Penzi (portiere titolare del Parma Calcio e cultore del salto in alto) Mario Pirazzoli (cestista) e Pietro Zini (pesista), dopo aver assistito ad una esibizione di rugby alla chiusura del meeting di atletica leggera di Torino, decidono di creare a Parma una squadra di pallovale formata in prevalenza da giovani liceali e studenti universitari.

La squadra prenderà il nome di Rugby Parma nel 1946.

Il rugby è la disciplina sportiva che per prima porta a Parma allori e trofei, tanto da rappresentare per decenni lo sport per antonomasia. I ricordi più felici risalgono ai “mitici” anni ‘50 del grande Presidente Giuseppe Banchini e del leggendario Sergio Lanfranchi che portano a Parma tre titoli di Campione d’Italia (1949-50, 1954-55, 1956-57), oltre a tre secondi posti e al primo tricolore giovanile (1954-55).

La Rugby Parma di quegli anni rimane una delle più belle espressioni di tutti i tempi del rugby italiano, in grado di stupire gli esperti e coinvolgere gli appassionati sportivi della domenica. Sono i tempi in cui allo stadio Tardini il pienone lo fa soltanto il rugby, mentre la squadra di calcio si trova a dover giocare al mattino perché al pomeriggio il campo è occupato dalla pallovale.

Negli anni ‘60 la Rugby Parma vince altri due Campionati giovanili (1961-62 e 1966-67). 

La Rugby Parma di fine anni ’70, inizio anni ’80, sotto la presidenza di Ezio Ghidini prima e di Giandomenico Serra poi, diventa una Società ben organizzata (premiata con la “Stella d’oro” del CONI) che dà spazio ai giovani del vivaio ed attrae i migliori prospetti delle altre Società della zona. Guidati da allenatori del calibro di Marco Pulli (anche allenatore della Nazionale) e Paolo Quintavalla, negli anni ’80 i gialloblù arrivano a lottare sempre per lo scudetto e, soprattutto, a farsi ammirare su tutti i campi d’Italia con il gioco più spettacolare di quei tempi, un vero e proprio “rugby champagne” alla francese. 

Agli inizi degli anni ’90 la dirigenza gialloblù decide di far ripartire, ancora una volta, la Rugby Parma dal settore giovanile. Nel giro di alcuni anni la Società viene riorganizzata e, negli anni 2000, con l’avvento del professionismo anche nel rugby, si trova a competere ogni anno per lo Scudetto, ben figurando anche nelle Coppe europee.

Davvero sorprendente la stagione che coincide con il 75° anno dalla nascita della Società in cui si raggiungono obiettivi importantissimi: la vittoria nella Coppa Italia Skoda Cup 2006, il secondo posto in campionato con la qualificazione ai play-off scudetto, mancati per un soffio, e la vittoria nel Barrage contro i Gwent Dragons in Galles che regala ai gialloblù la qualificazione all’Heineken Cup, la principale competizione europea per club.

Nella stagione sportiva 2006/07, nonostante i molti infortuni che rendono difficile il lavoro degli allenatori, la Rugby Parma partecipa alla prestigiosa competizione di Heineken Cup in cui si aggiudica una storica vittoria battendo al Lanfranchi, unica formazione italiana riuscita in questa impresa, gli scozzesi del Border Reivers per 45 a 37: è il 21 gennaio 2007.

La stagione sportiva 2007/08 regala grandi soddisfazioni con la conquista della Coppa Italia 2008 e buoni risultati in Coppa Europa con ottime prestazioni sui campi inglesi e francesi.

Nella stagione sportiva 2008/09 l’Overmach Cariparma tiene alto il nome di Parma nel panorama rugbistico italiano vincendo la Supercoppa in settembre. Purtroppo, manca di un soffio la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Europa, ma riconquista la Coppa Italia per la terza volta.

La stagione  sportiva 2009/10 vede la Rugby Parma Banca Monte attraversare una fase di grandi cambiamenti e di risultati alterni, riuscendo comunque a piazzarsi tra le prime e a mantenere il diritto ad accedere alla Coppa Europa.

La scelta vincente di puntare sui giovani del vivaio e sulla professionalità dello staff

Dalla stagione sportiva 2010/11 inizia una storia tutta nuova: sotto la guida del Presidente Bernardo Borri, la Rugby Parma abbandona il professionismo e decide di ripartire dal settore giovanile e dalla serie C, puntando tutto sui giovani del vivaio e investendo nella loro formazione. Nasce così la Scuola di Rugby d’Eccellenza con la preziosa collaborazione del tecnico francese Jean Bidal.  I risultati sportivi arrivano subito: la squadra di serie C vince il girone regionale mentre l’under 16 vince il girone Elite aggiudicandosi il prestigioso Trofeo degli Appennini.

La stagione sportiva 2011/12 vede la prima squadra piazzarsi al quinto posto nel girone C Elite.

Nella stagione sportiva 2012/13 arriva la grande soddisfazione della promozione in serie B, al termine di una serie ininterrotta di vittorie, quasi tutte col bonus. La squadra è composta esclusivamente da giovani giocatori usciti dal settore giovanile della Rugby Parma, guidati da due giovani allenatori, Mono Gutierrez e Leone Larini (“figlio d’arte”, anch’egli uscito dal vivaio gialloblù).

La stagione sportiva 2013/14 vede un primo anno di ambientamento nella nuova categoria che termina con una posizione di metà classifica.

Anche nella stagione sportiva 2014/15 i gialloblù disputare un buon campionato e confermano  la posizione della stagione precedente.

La stagione sportiva 2015/16 si apre in modo folgorante: la Rugby Parma balza in testa alla classifica dopo le prime giornate. Purtroppo una serie di infortuni al termine del girone di andata non permettono di chiudere la stagione nelle posizioni più alte della classifica. A livello giovanile, l’under 6 si aggiudica la vittoria della 25ª edizione del Trofeo Topolino, il più importante torneo di minirugby a livello italiano.

La stagione sportiva 2016/17 si chiude con un ottimo terzo posto che lascia però un po’ di amaro in bocca: i play off sfuggono infatti per un punto soltanto. La Rugby Parma risulta la squadra con la miglior difesa di tutto il campionato di serie B (48 squadre). A livello giovanile, l’under 14 si aggiudica la vittoria di tutti i più prestigiosi Tornei italiani tra cui il 39° Torneo Città di Treviso e il 4° Superchallenge under 14.

Nella stagione sportiva 2017/18 la squadra seniores ottiene risultati inferiori alle aspettative. Soddisfazioni invece da tutte le altre categorie, copresa la vittoria del Trofeo del Passatore e la promozione in Elite dopo solo una stagione “di purgatorio” per l’under 18.

Al termine della stagione sportiva 2018/19 arrivano grandissime soddisfazioni dal settore giovanile: l’under 16 gialloblù si aggiudica il Trofeo degli Appennini e la Coppa Lodigiani, battendo in finale del Campionato Italiano di categoria la Benetton Treviso. Titolo che mancava dal 1967.

La stagione sportiva 2019/20 viene sospesa in anticipo a causa della gravissima pandemia di SARS-CoV-2.

TIMELINE DEI PRINCIPALI EVENTI DELLA STORIA DELLA RUGBY PARMA

1931
Il rugby arriva a Parma
1946
La squadra prende il nome di Rugby Parma
1950
Il primo SCUDETTO
1954
Vittoria dello SCUDETTO della squadra riserve della Rugby Parma
1955
Il secondo SCUDETTO
1955
Vittoria del primo SCUDETTO giovanile della Rugby Parma
1957
Il terzo SCUDETTO
1962
Vittoria del secondo SCUDETTO giovanile della Rugby Parma
1967
Vittoria del terzo SCUDETTO giovanile della Rugby Parma
1971
Giancarlo Dondi Presidente
1981
Il cinquantenario
1988
Il ritorno in A1
1993
Si rifonda la società
2000
Nasce l'OVERMACH Rugby Parma
2006
Overmach Rugby Parma: vittoria della prima COPPA ITALIA
2008
Overmach Rugby Parma: vittoria della seconda COPPA ITALIA
2008
Overmach Rugby Parma: vittoria della prima SUPERCOPPA ITALIANA
2009
Overmach Rugby Parma: vittoria della terza COPPA ITALIA
2010
Bernardo Borri Presidente
2018
Vittoria del quarto SCUDETTO giovanile della Rugby Parma - "Trofeo Mario Lodigiani"