PRIMO XV: Arriva la prima vittoria in trasferta

Prima vittoria esterna dell’anno per i gialloblù di Liviu Pascu e Mono Gutierrez impegnati sul campo di Jesi in occasione della settima giornata del girone di andata. Si tratta sicuramente di una vittoria “risicata” dal punto di vista del punteggio e ottenuta nei minuti finali, ma strameritata se si guarda al possesso palla e alla supremazia territoriale che, soprattutto nel primo tempo, ha raggiunto percentuali molto elevate. Ai marchigiani, invece, è bastato giocare una partita difensiva ordinata ed approfittare dei regali che i gialloblù non hanno lesinato.

Dopo due giri soltanto di lancetta, l’ala dello Jesi coglie l’occasione ghiotta di un intercetto per portare in vantaggio i suoi. La Rugby Parma mantiene la supremazia territoriale senza però riuscire a concretizzare, anzi, con il procedere dei minuti, sono invece di nuovo i padroni di casa ad allungare con due calci dalla distanza. Al 15′, il tabellino segna 13-0 e la partita sembra aver imboccato la direzione sbagliata, impressione che si rafforza quando, al 22′ Pelagatti buca la linea e si tuffa in meta ma, contrastato, perde palla. Jesi non costruisce azioni manovrate, ma si limita a giocare di rimessa sugli errori degli ospiti. Finalmente, al 28′ si ode il primo squillo gialloblù con Pelizza che finalizza una serie di giocate a ridosso della linea di meta difese dai biancoverdi di casa in modo sempre più affannato. Sull’abbrivio, cinque minuti dopo, un bell’offload di Massera libera Bondioli che segna sulla sinistra. Righi Riva colpisce il palo ma la palla entra. Quattro minuti dopo ancora il palo, questa volta respinge il piazzato che poteva valere il sorpasso.

Il secondo tempo è un po’ più equilibrato, anche se l’iniziativa rimane comunque gialloblù, mentre i biancoverdi faticano ad imbastire azioni d’attacco efficaci. All’11’ Righi Riva allunga con un calcio dai 20 metri. Passano altri 7 minuti e si presenta una nuova occasione per allungare ulteriormente: la distanza è tanta e la palla rimane in campo e viene rigiocata con un calcio di spostamento che sorprende la linea arretrata gialloblù, mal posizionata, e permette di nuovo all’ala marchigiana di andare a marcare in mezzo ai pali.  Controsorpasso jesino quindi e possibilità, al 30′ di portarsi oltre break, ma l’apertura di casa non è infallibile. Il forcing finale vede, da un lato, i locali difendere con le unghie e con i denti il piccolo vantaggio e, dall’altro, gli ospiti alla ricerca furiosa della segnatura. Spetta a Cammi, molto efficace oggi in campo, trovare la meta alla base del palo al termine di una serie di percussioni a ridosso della linea. La trasformazione di Righi Riva, sancisce la vittoria gialloblù col risultato finale di 20-22.

Interrotta la serie di sconfitte e ripresa la corsa, ora è indispensabile continuare sulla scia positiva, a cominciare da domenica prossima quando al “Banchini” arriverà il Reno Bologna.

Coach Pascu a fine match: “Dopo tre sconfitte consecutive, era importante riprendere un cammino positivo, questa di oggi però non è stata una partita facile. I nostri avversari hanno giocato molto sui nostri errori. Pur avendo mantenuto tanto possesso, noi non siamo riusciti a segnare mentre con i nostri errori abbiamo dato agli avversari la possibilità di fare punti. La cosa positiva è che i ragazzi hanno saputo reagire al passivo e sono riusciti a recuperare e a portare a casa la vittoria. Anche domenica prossima dobbiamo stare attenti a non offrire all’avversario l’opportunità di metterci in difficoltà. Ripeto che la nostra è una squadra giovane, si vedono dei progressi ma abbiamo ancora molto lavoro da fare”.

Queste le parole di coach Gutierrez: “Per quanto riguarda il reparto degli avanti, il lavoro fatto in settimana sulla rimessa laterale ha dato i suoi frutti. In mischia dobbiamo invece sistemare ancora alcune cose. Era ora di portare a casa un risultato positivo che permettesse al gruppo di recuperare la fiducia che aveva acquisito dopo la partita contro Civitavecchia e che era invece un po’ venuta a mancare dopo quella con Florentia. Insieme a Liviu abbiamo scelto Andrea Rosi come migliore in campo oggi, perché si è impegnato davvero molto ed è quello che ha saputo portare avanti più palloni. Anche per lui però c’è ancora lavoro da fare”.

Ed ecco cosa ne pensa capitan Samuele Pelagatti“Ancora una volta abbiamo imposto il nostro gioco, ma abbiamo permesso all’avversario di fare punti sui nostri errori. Ad oggi secondo me non abbiamo ancora incontrato una squadra che, complessivamente, a livello di gioco sia riuscita a metterci sotto. A livello di reparti forse sì, non nel complesso.”

Chiude il vice, Emiliano Zanichelli, che, riguardo alla preparazione atletica della squadra a lui affidata quest’anno, afferma: “Dal punto di vista atletico sono soddisfatto anche se possiamo lavorare ancora. Sicuramente è proprio la tenuta atletica a permetterci di risolvere determinate situazioni anche quando siamo sotto nel punteggio. La cosa molto importante e della quale voglio ringraziare tutta la squadra è che ci siamo tutti impegnati tantissimo per recuperare lo svantaggio e chiudere con una vittoria.”

RUGBY PARMA: Righi Riva, Pelizza (62’ Gasparri), Rosi, Zanichelli (v. cap.), Massera, Pelagatti S. (cap., 70’ Imparato), Manganiello (48’ Calabrese), Slawitz, Benchea C. (62’ Cavazzini), Benchea A., Bondioli, Colla (46’ Derossi), Cammi, Strina (42’ Bersani, 49’ Zanetti), Palma. All.: Pascu, Gutierrez.

RUGBY JESI: Pulita (cap. 48’ Pierpaoli), Ramazzotti, Piccinini, Jacob, Carosi, Santarelli, Fagioli (62’ Bruciaferri N.), Thomas, Scavon (45’ Sandroni), Filipponi, Battisti, Albani, Silvi (v. cap., 26’ Bimbo), Amendola (46’ Piergirolami), Bruciaferri E. (52’ Santoni); a disposizione: Cappuccini. All.: Fagioli.

Arbitro: Daniele Odoardi (CH)

MAN OF THE MATCH: Andrea Rosi (2° centro)

Rugby Jesi vs Rugby Parma: 20-22 (13-12) pt 1-4

MARCATORI:
1° T: 2’ mt Carosi tr Santarelli, 12’ cp Santarelli, 15’ cp Santarelli, 28’ mt Pelizza nt, 33’ mt Bondioli tr Righi Riva
2° T: 11’ cp Righi Riva, 20’ mt Carosi tr Santarelli, 33’ mt Cammi tr Righi Riva

NOTE: /

Leggi l’articolo della Gazzetta di Parma

Commenti da Facebook