Edoardo Scalvi, nuovo innesto gialloblù

Oggi vi presentiamo un altro nuovo innesto nella linea dei trequarti: il centro Edoardo “Dodo” Scalvi al quale diamo un caloroso benvenuto alla Rugby Parma.

“Sono nato a Brescia il 10 aprile 1997. Fieramente celibe, frequento il 5° anno di Medicina.

Ho iniziato prestissimo a giocare a rugby nel Rovato: a quattro anni, avendo due dei tre fratelli più grandi che già giocavano, ho provato anch’io e da allora non ho più smesso. Ho provato un po’ tutti gli sport, ma si è trattato di brevissime esperienze. Ho giocato per vari anni anche a tennis durante gli anni delle elementari e delle medie. Al Rovato sono rimasto fino alla prima liceo partecipando anche alle selezioni regionali e zonali. Poi, in seconda, mi sono trasferito a Parma per giocare nell’Amatori e ho continuato a partecipare alle selezioni regionali e zonali. In terza liceo sono stato convocato nell’Accademia Zonale di Remedello e ho preso anche parte a diversi raduni con la Nazionale di categoria. L’ambiente dell’Accademia però non mi si addiceva così, pur essendo stato riconfermato per il secondo anno, ho deciso di cogliere un’opportunità che mi si è presentata ed accettare una borsa di studio per il rugby presso l’Ellesmere College, in Inghilterra, nella contea dello Shropshire. Anche in quel periodo ho preso parte a varie selezioni della contea e regionali. Avendo ottenuto un’estensione della borsa di studio per l’anno successivo, ho frequentato anche l’ultimo anno di liceo ad Ellesmere dove mi sono diplomato, concludendo con successo l’International Baccalaureate. Pur essendo stata un’esperienza fantastica, ho poi preferito rientrare in Italia e accettare l’offerta del Rugby Colorno. Qui ho trascorso gli ultimi quattro anni, a parte un breve periodo in Eccellenza col Reggio a inizio stagione 2017/18. Gli allenamenti mattutini e pomeridiani erano però incompatibili con il mio corso di studi, così a gennaio sono tornato al Colorno, club col quale ho ottenuto anche la promozione in Top 12 nella stagione 2018/19.

Della Rugby Parma mi ha colpito l’ottimo progetto per la prossima stagione. Rientrando da un infortunio abbastanza lungo, ho molta voglia di ricominciare a giocare e togliermi qualche soddisfazione. Spero di poter essere presto utile alla squadra e di continuare a crescere. Conosco molti ragazzi qui, con molti di loro ho giocato a Colorno; anche questo è stato un punto a favore della scelta, sono tutte persone che ritengo molto valide rugbisticamente parlando, oltre che ottimi compagni di squadra. Con altri ho avuto anche esperienze con il CUS Parma Rugby 7s e mi sono sempre trovato molto bene.

Il derby di Parma l’ho disputato in under 16 con la maglia bluceleste, quest’anno forse all’inizio sarà ‘strano’ giocare dall’altra parte, però sarà sicuramente di grande stimolo. A Colorno ho affrontato spesso il Noceto, sono sempre state partite dure ma stimolanti.

In tanti mi hanno parlato dell’ottimo gruppo-squadra che c’è qui alla Rugby Parma e fin da subito l’ho potuto constatare personalmente. Tutti, a partire dallo staff, si sono dimostrati molto carichi per la nuova stagione e questo è un grosso stimolo per essere quanto prima a disposizione del club”.

Commenti da Facebook